Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

5 soluzioni per il piede piatto

* di un 15enne: quando il plantare non serve

In questo articolo parleremo di Fabrizio (nome fittizio), ragazzo di 15 anni venuto in visita per il sospetto piede piatto. La madre mi racconta che non le piace da sempre come il figlio poggi il piede a terra.

Plantari piede piatto: servono sempre?

In passato Fabrizio ha portato per circa 2 anni dei plantari su misura senza osservare risultati significativi. Di recente ha fatto una visita dal fisiatra che gli ha prescritto, con dovizia di particolari, plantari con correzioni specifiche e sostegno della volta plantare.

(!) Alla mia domanda su che tipo di visita posturale avesse fatto il fisiatra la risposta della madre mi lascia perplesso: "Niente, ha semplicemente guardato il piede...".

Dallo sguardo di Fabrizio intuisco che non ha nessuna voglia di portarli quei plantari. Fiducioso comunque del lavoro svolto dal collega mi appresto ad effettuare la visita. Sottopongo Fabrizio all'anamnesi: è uno studente, gioca a calcio, non ha problematiche particolari se non un sopportabile dolore alle ginocchia (tipico dei giovani adolescenti che giocano a calcio), non ha sintomatologia al piede, il che genera in me le prime perplessità.

 Osserviamo l’appoggio in carico bipodalico su podoscopio e su pedana baropodometrica (sensori capacitivi): effettivamente il piede appare piatto.

 

Esame baropodometrico a Catania

 

 

Continuiamo però la visita: faccio distendere Fabrizio sul lettino, verifico la mobilità articolare del piede e la forza muscolare. Contrariamente all’apparenza il piede ha un’ottima mobilità e una buona forza muscolare. Fabrizio si rimette in piedi, gli chiedo di andare sulle punte e, come per magia, eccola che riappare la volta plantare.

Alcune informazioni sul podologo di Catania

Effettuo ulteriori test funzionali: le risposte sono incoraggianti ma voglio togliermi ulteriormente qualche scrupolo. Chiamo il fisioterapista, gli chiedo una stimolazione podalica su entrambi i piedi di Fabrizio. Il fisioterapista effettua circa 20-30 minuti di trattamento alternando manipolazioni a stimolazioni vibratorie. Fabrizio effettua a questo punto un nuovo esame baropodometrico:

 

 L’esame stabilometrico a Catania può essere eseguito in diverse “condizioni di esame”,

 

 

Risulta evidente che la superficie di appoggio, specie sul piede sinistro, si è notevolmente ridotta. Abbiamo, anche in appoggio bipodalico, un primo accenno di comparsa della volta plantare.

Chiaramente il risultato ottenuto non può ritenersi permanente

Consiglio a Fabrizio di continuare a fare dei cicli di terapia dal Fisioterapista insieme ad esercizi di stimolazione propriocettiva podalica e rieducazione del cammino. La madre è raggiante, Fabrizio è contento, io anche.

Torna alla lista Posturologia

 

Breve presentazione

Dottore con lode in Scienze Motorie e in Podologia, specializzato nel Master in Posturologia presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti. È autore di quattro libri, ha scritto decine di articoli scientifici su siti e riviste specializzate. Docente in Terapia Fisica Strumentale. Per ginnastica posturale con plantari su misura chiama Podologo Catania Continua a leggere

Ultimi Articoli

Search

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Cliccando sul pulsante Acceta, acconsenti all’uso dei cookie.